IL GHEPPIO

Oggi parleremo di un bellissimo rapace, che probabilmente vi è capitato di vedere sfrecciare accanto alle vostre case, sopra i campi e in città: il gheppio (Falco tinnunculus).

In Italia è una specie stanziale, cioè presente tutto l’anno, ma non mancano soggetti svernanti oppure presenti solo nel periodo estivo.

Presenta dimorfismo sessuale: il maschio e la femmina hanno aspetto diverso e questo li rende facili da distinguere. Il piumaggio del maschio è grigio sulla testa e sulla coda, dove presenta una banda nera, la schiena e le ali sono marrone punteggiato di nero, la punta delle ali è scura. La femmina ha colore più uniforme, marrone rossiccio.

Il gheppio è un falco di taglia medio/piccola, con apertura alare che non supera i 90 cm (la femmina è più grande): è un rapace piccolino, ma non per questo meno temibile!

La natura lo ha infatti fornito di ottime doti: una grande agilità nel volo che gli permette, ad esempio, di restare sospeso  in aria, quasi immobile, per scrutare il terreno (volo a “spirito santo”), una vista acutissima, la capacità di vedere gli ultravioletti per individuare tracce di urina e secrezioni lasciate nel terreno dai roditori in modo da poterli trovare e, non ultima, una grande adattabilità ad ambienti diversi: possiamo incontrarlo in campagna, nelle aree coltivate, ma anche in città e nelle zone industriali.

I gheppi formano coppie che durano più anni, talvolta tutta la vita, e non costruiscono nidi, depongono le uova in anfratti di edifici e ruderi, occupano nicchie di campanili, tralicci delle linee elettriche, oppure utilizzano nidi di altri uccelli, quali cornacchie e gazze.

Si nutrono di piccoli mammiferi, insetti e rettili.

In Italia oggi la specie è in ripresa, dopo un calo avvenuto negli anni ’60, e in buono stato di conservazione, dunque è classificata dalla Lista Rossa Italiana come specie a Minor Preoccupazione (LC).

A livello globale, pur non essendo considerata in estinzione, è attualmente in decrescita.

Sul Montello il gheppio è presente solo da pochi decenni, un abitante recente di questa collina!

Tra le cause di morte di questo bel falco occupano un posto importante gli impatti stradali: i bordi delle strade sono ricchi di prede sulle quali si avventa all’improvviso, spesso finendo contro le automobili in transito. 

Un altro grave problema per il gheppio, e per i rapaci in genere, sono gli avvelenamenti secondari causati da veleno per topi. I veleni usati comunemente contro i roditori sono molto pericolosi per la fauna: entrano nella catena alimentare e causano danni molto più estesi di quanto si possa immaginare. I predatori che si nutrono di topi e ratti e che possono quindi ridurli in maniera naturale, ecologica, gratuita, muoiono spesso avvelenati da queste sostanze.

Invitiamo quindi ad evitare l’uso di prodotti chimici nella lotta contro i roditori, preferendoli a dispositivi meccanici piuttosto che a collanti.

Se vi è piaciuto il nostro articolo vi chiediamo cortesemente di mettere un like e condividerlo attraverso i vostri social!

Grazie!!!! A presto!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: